ELISA RAHO “INSOPPORTABILE” È L’ESORDIO POP DELLA CANTAUTRICE ROMANA [INTERVISTA]

Con la collaborazione autorale di Giuseppe Anastasi e la produzione artistica di Valter Sacripanti, nasce un brano che sviscera le dinamiche del percorso di crescita e maturazione che ognuno di noi affronta, attraverso un sound pop-rock di forte impatto scenico.   

Il nuovo progetto di Elisa Raho (in lavorazione e di prossima uscita), nel suo insieme trova sicuramente collocazione nel mondo del pop con influenze che spaziano dal pop-rock a sapori di sperimentazione retrò sia dal punto di vista melodico che delle scelte di suono (i riferimenti più vicini sono quelli che strizzano l’occhio a Kate Bush, Linda Perry, i primi Matia Bazar, Genesis). C’è poi un elemento che fa da protagonista: l’arpa (strumento praticato da sempre dall’artista), adoperata su brani di musica leggera.



Insopportabile è il tuo nuovo singolo in rotazione radio, raccontaci di cosa parla

“Questo brano racconta in modo ironico della difficoltà di impegnarsi in scelte diciamo più definitive nella vita… il testo descrive questa tematica in riferimento ad una situazione sentimentale ma in realtà quella descritta è una sensazione applicabile a qualsiasi settore della vita…in sostanza in questo brano si parla della difficoltà di “crescere” e prendersi la responsabilità di fare alcune scelte più grandi… ecco potremmo sintetizzare così. “


Prestigiose collaborazione le tue, com’è stato lavorare con Giuseppe Anastasi e Valter Sacripanti ?

“Si, ho la fortuna di avere delle collaborazioni con autori e musicisti eccezionali…Giuseppe ha scritto alcuni dei testi del disco (tra cui “Insopportabile”) e sono davvero molto grata di poter avere confronti stimolanti di questo tipo nonchè un sostegno così bello nel lavoro; sia lui che Valter Sacripanti (autore dei brani insieme a me e produttore artistico del progetto) sono due persone dalla grande sensibilità e umanità (oltre che essere due musicisti molto preparati), entrambi hanno ovviamente molti anni di esperienza negli ambiti più alti della discografia italiana e quindi per me c’è tanto da imparare.”


Un look grintoso il tuo, ti sei ispirata a qualcuno ?

“Diciamo che una diretta ispirazione non c’è nel look…quello che vediamo è piuttosto nato dalla preziosa ricerca d’immagine portata avanti su di me dalle sorelle Torres (Pollyana e Fabiola Torres, note fotografe di moda) le quali mi aiutano e mi sostengono in tutto ciò che riguarda il lavoro di immagine del progetto Elisa Raho… A riguardo devo un grazie particolare ovviamente a loro, a Claudia Intino (grafica d’eccezione) e a Vincenzo Panico (Vicky hair fusion, hair stylist veramente fantastico).”

Live in programmazione ? 

“Molti a breve! …siamo in fase di organizzazione di una serie di live, a breve aggiornerò tutti sui social….!”

BIO

Elisa Raho nasce a Roma 18/07/1984; è una cantante, arpista e autrice italiana. Dopo molti anni di attività concertistica nell’underground romano (in cui la vediamo spaziare dal pop alla musica barocca) si dedica, agli esordi della sua carriera musicale, ad alcune collaborazioni con diverse band e autori italiani ed internazionali tra i quali troviamo Tony Carnevale, i Sirenia e numerose band nell’ambito metal norvegese e finlandese. Pubblica nel 2008 l’album “Darkness will fall” con l’etichetta finlandese Lion Music; dal 2009 al 2013 è la voce dei Solar Orchestra, progetto originale di rock psichedelico/prog con il quale pubblica nel 2011 l’album “Stars that never were”. Negli ultimi anni rivolge la sua attenzione all’attività cantautorale e nel 2016 nasce la collaborazione con il batterista, autore e produttore artistico Valter Sacripanti. Nel 2017 esce il singolo d’esordio nel pop “Insopportabile”.

Facebook www.facebook.com/Raho.Elisa/

Instagram www.instagram.com/elisaraho/

Canale Youtube www.youtube.com/channel/UCokz64Qlo6qZ4r5ZDioWfjQ

Precedente BLUE NOTE MILANO: la programmazione del mese di DICEMBRE e i primi nomi confermati di GENNAIO! Successivo EDOARDO PASTEUR, “I GOT A NAME” È IL PRIMO SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM D’ESORDIO “DANGEROUS MAN” [INTERVISTA]